Logo

addFav

#TORTELLINOTOUR: storia dell’hashtag che ha conquistato Bologna

Metti una sera a cena nella città felsinea 

Di etichette descrittive ne ha già tante, Bologna, tre su tutte: ‘Dotta’ per via dell’Università, la più antica del mondo occidentale; ‘Rossa’ come i mattoni delle case e delle torri che ne puntellano il centro, o come i bolidi che la incoronano capoluogo della “motor valley” emiliana; ‘Grassa’ al pari della sua tradizione culinaria, sostanziosa e opulenta.

A queste targhette classiche, pittoresche e vagamente polverose, se ne aggiunge un’altra, oggi, che più che una sintesi del territorio è un tributo al suo brodoso figliol prodigo: il tortellino. A idearla è un tassista bolognese, Roberto Mantovani, che – affiancato dalla sua compagna di vita (e di vivande!), Annabella – è partito alla scoperta dei migliori tortellini dentro e fuori “i viali”, condividendo in rete un hashtag – #TortellinoTour – già in odore di trending topic.

Dopo la via della Seta, insomma, quella della Sfoglia: «condividiamo la stessa passione per il cibo, ma l’amore per il tortellino ha, nel mio caso, origini più remote: quelle della tradizione familiare. Senza le donne di casa all’opera – la mamma, la nonna, la zia, che un tempo ne preparavano in grandi quantità, di tortellini – ho smesso di mangiarli in famiglia, e cominciato a cercarli fuori. Così è nato il #TortellinoTour», racconta l’iniziatore dell’hashtag più appetitoso del web. E Annabella gli fa da contraltare: «da “forestiera” – sono di origine pugliese – ho preso questo piatto del confort come metro per calcolare il costo medio dei menù: i veri bolognesi non ordinano mai i tortellini al ristorante, preferendo quelli di casa. Ma il fuori sede sperimenta!».

Perché proprio il tortellino (e non, chessò, la tagliatella)?

Roberto: «Perché il tortellino unisce, è un momento di aggregazione in famiglia. A dispetto di altri piatti della memoria, la sua preparazione ha una ritualità condivisa: c’è chi tira la sfoglia, chi la taglia, chi pensa al ripieno. E chi viene sgridato per l’assaggio “a crudo” (altro ricordo d’infanzia!)»

Quali i criteri di valutazione?

Annabella: «Ne abbiamo scelti 5: la sfoglia, il ripieno, il brodo, la cottura e l’impiattamento dei tortellini. A questi si sono aggiunti, talvolta, dei plus, come le caratteristiche di certi luoghi o le storie raccontate dai gestori, perché la differenza la fanno sempre le persone»

Un esempio?

Roberto: «Quello della signora Aurora, titolare dell’omonima osteria, che ci ha raccontato come ha imparato a farli, i tortellini. Aveva appena compiuto 9 anni e sua mamma versava in cattive condizioni di salute: allettata, le indicava come prepararli, incoraggiandola a non demordere. “In ginocchio su una sedia tiravo la sfoglia mentre le lacrime scendevano: faticavo e mi sentivo incapace”, ci ha confidato. Ma la perseveranza ha avuto la meglio, e dopo una carriera come disegnatrice, senza nessuna scuola di cucina alle spalle, ha imparato a fare da mangiare in maniera impeccabile, e aperto anche un laboratorio di pasta fresca assieme al figlio: “fare la sfoglia è la cosa più bella del mondo!”»

I metodi di preparazione differiscono da un posto all’altro?

Annabella: «Sì. Al Ristorante Da Fabio, ad esempio, i tortellini li fa ancora la mamma (pluri ottantenne) del titolare, la classica “zdora” bolognese che guai a toglierle questo compito: sono piccoli e deliziosi, con un brodo di cappone gustoso ma alleggerito, senza i lobi di grasso liquefatto (detti “occ grass dal bròd”, letteralmente “occhi di grasso del brodo”, ndr), mentre i ragazzi di Oltre – un locale metropolitano ma radicatissimo nella tradizione: il loro cavallo di battaglia è il piccione – optano per un tortellino con un ripieno di quasi solo crudo»

Il prezzo medio nei ristoranti bolognesi?

Roberto: «Per una generosa porzione, sui 13 euro»

L’identikit del tortellino perfetto?

Annabella: «Ha la sfoglia ruvida – tirata al matterello -, un ripieno non eccessivamente formaggioso, perché non copra l’aroma della carne e della mortadella, e un sentore di noce moscata, come secondo la ricetta depositata alla Camera di Commercio. Deve essere bello pieno e poco cotto»

Un segreto culinario carpito durante il tour?

Roberto: «L’uso del congelatore è indispensabile per evitare il rompimento della pasta: mettendo i tortellini ancora congelati nel brodo bollente rimangono umidi e non si sfaldano in cottura. I nostri nonni, che non possedevano il freezer, erano costretti a farli e mangiarli al momento: non a caso erano il piatto delle feste»

I tortellini più buoni di Bologna: dove?

Annabella: «Non esiste una risposta univoca: dipende chi sei, da cosa cerchi, e dal valore che stai dando alla tua cena. La Buca Manzoni, ad esempio, li serve nella zuppiera, mentre La Montanara di Filippo Venturi – l’oste scrittore – opta per le cocotte monoporzione, e se il Caminetto D’oro valorizza il piatto con un cucchiaio dorato e del formaggio grattugiato al momento, il ristorante Al Cambio li serve quasi asciutti, con un bricco di brodo a parte. Ciascuno ha il suo modo, il suo mondo. E la nostra non è una classifica, ma un semplice elenco di posti in cui il tortellino è protagonista, coi social come occasione di condividere ogni buona scoperta: da Twitter ci arrivano le prime conferme!»

Il vostro tour è diventato una cartolina, quasi una cartina per veri pastalover.

Roberto: «L’idea è nata per soddisfare le richieste dei miei clienti in taxi: turisti, congressisti, tutti alla ricerca di un posto in cui gustare un buon piatto di tortellini. La prof. di grafica di mio figlio ha coinvolto i ragazzi in un vero e proprio progetto scolastico: così è nata la cartolina del #TortellinoTour! Fra i viaggiatori esteri, i più curiosi sono gli americani, gli australiani e i canadesi, sempre più preparati sulle nostre tradizioni. A loro uso dire, scherzando: “If you read “spaghetti alla bolognese”, please: run!»

Alla cartolina seguirà un libro?

Annabella: «Ci stiamo pensando. Anche per raccontare le storie di vita di chi si avventura quotidianamente in questa preparazione che è pura poesia Made in Emilia»

Luca Fiorini

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?

Privacy Preference Center

Cookie tecnici

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito, e non possono essere disattivati. Essi sono solitamente installati in seguito a sue azioni equivalenti alla richiesta di un servizio (impostare le sue preferenze sulla privacy, registrarsi, completare griglie informative, etc.). Lei può impostare il suo browser per bloccare o avvertirla della presenza di questi cookie, ma alcune parti del sito potrebbero, in seguito, non funzionare.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

Cookie analitici

Ci permettono di contare le visite e le fonti di traffico, misurare e migliorare la performance del sito. Ci mostrano quali pagine del sito sono più o meno visitate e come gli utenti si comportano si di esse. Se lei non presta il consenso a questi cookie, non sapremo quando ha visitato il nostro sito, né saremo in grado di monitorarne la performance.

_gat_gtag_UA_20652218_2, _gat_gtag_UA_112910981_1, _ga, _gid,fr