Magazine - territorio - Il Festival Internazionale degli Aquiloni di Cervia - Non Solo Buono

Logo

addFav

Il Festival Internazionale degli Aquiloni di Cervia

Divertenti e colorati, quando gli aquiloni volano nel cielo, torniamo tutti un po’ bambini e passiamo ore con il naso all’insù ad ammirarli. Difficile trovare qualcuno a cui non piacciano questi affascinanti “oggetti volanti”! Del resto, chi non ha mai provato a farne volteggiare uno? 🙂
Se, come a noi, l’idea di trascorrere una bella giornata circondati da meravigliosi aquiloni variopinti su una rilassante spiaggia romagnola vi entusiasma, allora non potete certo perdervi il Festival Internazionale dell’Aquilone di Cervia ARTEVENTO, questa’anno alla sua 38° edizione [www.festivalinternazionaleaquilone.com].
Diventata un’immancabile tradizione, che lo scorso anno ha richiamato 170.000 spettatori e 20.000 partecipanti agli eventi collaterali, la manifestazione si terrà nel 2018 dal 20 aprile al 1 maggio, come di consuetudine a Cervia, tra la spiaggia di Pinarella e il Magazzino del Sale, dove sarà allestita la mostra “Artisti fra cielo e terra”: Steve Brockett – The Eyes of the Wind.
Vi raccontiamo tutto in quest’articolo!

(Stefania Fregni, www.mymodenadiary.it)

1006319919

L’origine degli aquiloni

Probabilmente risulta immediato pensare che l’aquilone sia un gioco per bambini ma in realtà quest’oggetto così speciale è desiderato e amato da sognatori e creativi di ogni età e paese. Del resto si sa, l’aquilone seduce e affascina, rallegra e incanta… in poche parole, ci fa volare pur rimanendo con i piedi per terra! Inventato in Cina circa 2800 anni fa, l’aquilone ha ricoperto in origine diverse funzioni. Documenti dimostrano, infatti, che quest’oggetto fosse utilizzato come segnale in missioni di salvataggio o militari, oppure per la misurazione delle distanze, per la verifica della velocità del vento e, infine, per il sollevamento umano. Oltre a ciò, gli aquiloni hanno fin da subito ricoperto funzioni religiose, tanto che oggi sono ancora impiegati in alcune celebrazioni per festeggiare la nascita oppure la fertilità, la vittoria o la felicità.

 

 

 

 

 

 

4157145904

Il Festival

Il Festival Internazionale degli Aquiloni di Cervia, come si legge sul sito dell’evento, è “la prima manifestazione al mondo dedicata all’arte eolica”. Nato nel 1981, dalla volontà del pittore cesenate Claudio Capelli di riunire i migliori maestri aquilonisti del mondo, oggi, è uno dei festival più vecchi, amati e importanti per gli appassionati del tema, ma non solo. Qui, i “maestri del vento” (gli Sky Art Kites), provenienti da ogni angolo del globo, si riuniscono ogni anno per far volare le proprie creature. C’è chi parla addirittura di “pellegrinaggio” e noi non facciamo di certo fatica a crederci vista l’unicità dell’evento che ha fatto diventare Cervia capitale mondiale dell’aquilone! Quest’affascinante manifestazione celebra gli aquiloni come una vera e propria forma d’arte richiamando i personaggi più in vista del panorama internazionale: 200 sono i migliori artisti del vento, provenienti da 35 diversi paesi del mondo nei 5 continenti. Un momento importante di condivisione e d’incontro fra culture diverse tutte accumunate dalla volontà di dar vita a un’unica e spettacolare manifestazione artistica che per dodici giorni colorerà il cielo della bella Cervia.

 

1183334263

La sua storia

Era la fine degli anni ’70 quando, Claudio Capelli, durante un suo viaggio a New York, rimase letteralmente folgorato dall’incontro, in pieno Central Park, con alcuni uomini che stavano facendo volare degli imponenti aquiloni storici. Quell’immagine di persone adulte indaffarate a manovrare quest’incredibili oggetti, non abbandonerà mai più la mente del pittore destinato a diventare pioniere dell’aquilonismo moderno e organizzatore di uno dei primi e più importanti festival internazionali d’Europa. Da quel momento la curiosità e la passione del Capelli per la materia crescono, tanto che tornato in Italia, oltre a dedicarsi allo studio della progettazione e costruzione di aquiloni, l’uomo si pone l’obiettivo di trovare e far incontrare altri appassionati come lui. Individuata la location più giusta, Capelli si rivolge all’amministrazione comunale che, dandogli fiducia, appoggia questo progetto assai “bizzarro”. A giugno del 1981 venne organizzato così il primo raduno che oggi è giunto alla sua 38° edizione.

3613097851

Gli appuntamenti principali

Oltre che a uno spettacolo no-stop di volo simultaneo, completamente gratuito, messo in atto dai più bravi artisti del vento che faranno volteggiare migliaia di aquiloni di ogni forma e colore (d’arte, giganti, etnici, combattenti e acrobatici), il programma prevede diversi appuntamenti principali. Primo fra tutti il Volo Notturno, sabato 21 aprile, e poi, la Cerimonia delle Bandiere, la mattina di domenica 22, la festosa parata che inaugurerà ufficialmente la nuova edizione cui prenderanno parte tutte le delegazioni ospiti. E ancora, per la sera di sabato 28, è prevista la suggestiva Notte dei Miracoli un appuntamento immancabile, ideato nel 2003 dallo stesso fondatore del festival con lo scopo di sensibilizzare il pubblico su tematiche ambientali. Questa notte così speciale, fatta di luci e suoni è senz’altro il momento più spettacolare di tutta la manifestazione. Il programma è davvero ricco: gli ospiti d’onore di questa edizione saranno il gruppo Maori Ki-O-Rahi dalla Nuova Zelanda e il Royal Thai Kite Team dalla Thailandia che si esibiranno in performance d’eccezione sui due palchi del Villaggio del Festival. All’interno del villaggio, potrete poi trovare i tanti stand della Fiera del Vento e dell’artigianato di qualità, quelli di street food, le aree giochi, visitare le installazioni dei Giardini del Vento e far partecipare i vostri bambini anche a laboratori didattici, per imparare l’arte della costruzione e del volo dell’aquilone.

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?