Logo

addFav

L’autunno ha il sapore di castagne

L’autunno è ormai alle porte, le temperature si fanno pungenti e i paesaggi assumono sfumature e colori sempre più caldi e romantici. Regina indiscussa di questa stagione è la castagna.

Nell’antichità, la castagna era definita il “pane dei poveri” perché ricca di carboidrati e utilizzata come sostituto del pane. La tradizione è ancora molto radicata e la castagna è protagonista di numerosi eventi e sagre ad essa dedicati.
Le tipologie di castagna sono diverse e i periodi di raccolta variano dalla fine di settembre al mese di ottobre. In cucina, la castagna è un frutto piuttosto versatile, infatti, è molto gustosa fatta arrosto come “caldarrosta” ma anche bollita o secca.

Sono tante le ricette autunnali che la vedono protagonista. Tra queste troviamo il castagnaccio, una torta di farina di castagne di facile preparazione, molto diffusa in diverse parti d’Italia tra cui il Piemonte, la Liguria ma anche la Calabria. Specialità tipiche in Emilia Romagna sono invece i “ciacci” di farina di castagne cucinati nelle cosiddette “cotte”, ovvero piastre di ferro unte con la cotenna di maiale e farciti sia con ingredienti dolci che salati. Dall’Emilia vengono anche le mistocchine ferraresi, preparate con farina di castagne, acqua, sale e aromatizzate con anice, mandorla o alchermes.  Una particolare lavorazione pasticcera della castagna è quella del marron glacé ovvero del marrone sciroppato e poi ricoperto di glassa di zucchero. Insomma, la castagna sembra essere proprio il giusto ingrediente per gustare al meglio una serata d’autunno in compagnia degli amici o davanti alla calda luce del caminetto.

(Giacomo Schirò)

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?