Logo

Panettone - Non Solo Buono
addFav

IL PANDORO E IL PANETTONE: LE DUE ANIME DEL NATALE.

È sempre difficile scegliere cosa mettere in tavola a Natale, specialmente quando si tratta del dolce. Panettone e pandoro hanno due “anime” completamente diverse e non sempre piacciono entrambi.

Il pandoro è un tipico dolce veronese, nato ufficialmente nel 1894, quando Domenico Melegatti depositò un dolce morbido, a forma di stella a otto punte, disegnata dall’artista Angelo Dall’Oca Bianca.

Da questa storia emerge l’anima creativa del pandoro. L’unico dolce disegnato da un pittore e molto amato dai giovani per il suo sapore delicato. Inoltre il pandoro si presta anche a essere farcito per creare dei piatti originali e belli da vedere.

Il panettone, invece, è un dolce milanese, le cui origini, molto più lontane nel tempo, sfumano nella leggenda.

Il cuoco di Ludovico il Moro fu incaricato di preparare un suntuoso pranzo di Natale ma si dimenticò il dolce nel forno che si carbonizzò. Uno sguattero propose di portare in tavola un dolce preparato con quanto rimasto in dispensa: farina, burro, uova, scorza di cedro e uvetta. Tutti i commensali furono entusiasti e da quel momento diventò il dolce del Natale.

Subito traspare l’anima del panettone. È un dolce sontuoso, preparato per la prima volta nel XV secolo nella cucina del duca di Milano. Ha una lunga storia alle spalle che ritorna nel sapore. È un dolce meno frivolo del pandoro: con il panettone non si può “giocare”.

E tu cosa preferisci per Natale? La creatività del pandoro o la regalità del panettone?

2992190999

ANGELO DALL’OCA BIANCA: IL DISEGNATORE DEL PANDORO

Il disegnatore della stella a otto punte del pandoro, Angelo dall’Oca Bianca (1858 – 1942), fu un pittore impressionista italiano. Iniziò molto giovane a esporre le proprie opere nelle principali città europee, partecipò alla Esposizione universale di Parigi del 1900 e ad alcune edizioni della Biennale di Venezia.

1864810708

IL PANETTONE DI SAN BIAGIO

Una tradizione tutta milanese è quella di conservare una porzione del panettone mangiato durante il pranzo di Natale e mangiarlo come gesto propiziatorio il 3 febbraio per la festa di San Biagio.

San Bias el benediss la gola e el nas.
San Biagio benedice la gola e il naso.
Detto popolare milanese.

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?