Logo

Il food invade i musei italiani - Non Solo Buono
addFav

Il food invade i musei italiani

Nell’anno di Expo anche musei milanesi tradizionalmente dedicati all’arte, al design e alla scienza trovano il modo per parlare di cibo dai loro differenti punti di vista.

È questo il caso del Museo della Storia Naturale di Milano che fino al 28 giugno 2015 ospita la mostra Food: la scienza dai semi al piatto che affronta in modo semplice e divulgativo tutti gli aspetti scientifici che toccano la nostra cucina. Il percorso espositivo è diviso in quattro sezioni: tutto nasce dai semi; il viaggio e l’evoluzione degli alimenti; la scienza in cucina e l’arte di mangiare bene; i  sensi, non solo gusto. La mostra è fatta per i bambini e per i ragazzi che possono giocare con gli exhibit interattivi e apprendere in modo semplice le informazioni multidisciplinari, ma anche per gli adulti appassionati di cucina che soddisfano la loro curiosità di scoprire le relazioni che esistono tra quel che siamo e quel che mangiamo. www.mostrafood.it

Il palazzo della Triennale di Milano per Expo si trasforma addirittura nel Area tematica del Padiglione Arts & Foods, dal 9 aprile al 1 novembre 2015. Una mostra curata da Germano Celant documenta tutte le soluzioni adottate dal 1851, anno della prima Expo a Londra, fino ad oggi  per il consumo del cibo, la nutrizione e il convivio: a partire dagli strumenti di cucina, la tavola imbandita, la sala da pranzo e il picnic, fino alla progettazione degli ambienti dedicati alla ristorazione collettiva come il bar e tutti i luoghi del mangiare di strada o in viaggio. Un allestimento plurisensoriale realizzato dallo Studio Italo Rota, mette insieme diversi linguaggi, come pittura e scultura, ma anche video, installazioni, fotografia, pubblicità, design, architettura, fino al  cinema, alla musica e alla letteratura. www.triennale.org

Sempre alla Triennale di Milano la mostra “Cucina & Ultracorpi” racconta la lenta quanto inesorabile trasformazione degli utensili da cucina in macchine e addirittura automi, ispirandosi sin dal titolo al libro di fantascienza L’invasione degli Ultracorpi” scritto da Jack Finney nel 1955 e all’omonimo film girato da Don Siegel. L’universo degli alieni invasori è ironicamente rappresentato dal frigorifero, il microonde, la caffettiera, il tostapane, come dal trita rifiuti ai bollitori ai mixer, dalle friggitrici alle gelatiere. Dal 9 aprile 2015 fino 21 febbraio 2016 questa mostra rappresenta l’ottava edizione del Triennale Design Museum, in occasione di Expo Milano 2015. www.triennale.org

Fino al 17 luglio 2015, la Fondazione Arnaldo Pomodoro propone una mostra dal titolo “Il pane e le rose” che riflette sul tema di Expo 2015, mettendo in evidenza la necessità umana di nutrire non solo il corpo ma anche lo spirito. Infatti, il curatore Marco Meneguzzo ha usato come titolo la famosa espressione “Il pane e le rose”, coniata da Marx, ripresa dalle suffragette americane e adottata dal movimento operaio fin dal 1912, che  sintetizza magistralmente l’esigenza di associare al pane, ovvero il bisogno profondo di nutrirsi di legami e progetti affettivi, alle rose il bisogno di coltivare passioni, di acquisire saperi, di intessere rapporti sociali. www.fondazionearnaldopomodoro.it

(Valentina Lanza)

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?