Logo

A spasso tra i café di Parigi - Non Solo Buono
addFav

A spasso tra i café di Parigi

Parigi è senza dubbio una città fantastica. Io ne sono follemente innamorata e ogni volta che la visito la imparo a conoscere ed apprezzare sempre maggiormente.

Tra i suoi luoghi caratteristici ci sono sicuramente i tipici café, non solo caffetterie che servono caffè e cibo, ma vere e proprie istituzioni della vita parigina. Nei bistrot della capitale francese si respira quella tipica atmosfera di altri tempi; si sorseggia una bevanda in pace, si guarda chi passa in strada o ci si dà un appuntamento per fare quattro chiacchiere.

Il primo café di Parigi venne aperto nel 1672, ben 20 anni dopo che il caffè fu introdotto come nuova bevanda alla corte francese. Il Café Le Procope, probabilmente il bistrot più antico d’Europa, è tutt’oggi in attività e lo potete trovare nel quartiere Saint-Germain-Des-Prés. Nei suoi tavoli si sono seduti attori, scrittori, filosofi e rivoluzionari come Rousseau, Voltaire, Danton, Robespierre, Balzac e Hugo.

A Parigi ci sono un’infinità di café che davvero si adattano a ogni mood ed esigenza. Quando cammino lungo le strade parigine, amo osservare lo stile del locali e dei suoi avventori: questo di solito mi dà una chiara idea dell’atmosfera che vi si respira. Guardando le persone che vi sono sedute e mi piace immaginare di che cosa stanno parlando, che storie si stanno raccontando… Lo so, a volte sono un po’ romantica e Parigi aumenta decisamente questo tratto della mia personalità 😉

Tra i tantissimi café che ho visitato, dove di solito mi bevo un caffè accompagnato da un dolce, (magari una tartelette alla marmellata) ho trovato un posto davvero speciale tanto che è diventato per me una tappa fissa: il Royal Bar (19 Rue du Parc Royal), nel Marais. Gestito da un signore che sembra uscito da un libro francese dell’800, questo café ha un arredamento vintage anni ’70-‘80, rose fresche, petali ovunque e al muro tantissime foto e ritagli di giornale di donne bellissime e super chic di quegli anni. Non ho mai chiesto il perché di tutto ciò, volontariamente, anche se credo lui fosse un fotografo e mi piace pensare sia così ;).

Ad ogni modo, il risultato di tutto l’insieme è un’atmosfera vintage-glamour, con un tocco di mistero… adorabile!

Se vi ho incuriosito andate a testare di persona uno di questi due luoghi pieni di storia/storie ed emozioni. E per me un café noisette, s’il vous plaît! 😉

(Valeria Moschetwww.untoccodiglitter.it)

Accedi

Per utilizzare il portale

oppure

Password dimenticata?

Accedi

Per visualizzare i tuoi preferiti

oppure

Password dimenticata?